Enpam: Audizione alla Commissione Parlamentare sugli Enti Previdenziali PDF Stampa E-mail

Enpam

COMUNICATO STAMPA

ENPAM SODDISFATTO DOPO L'AUDIZIONE DI FRONTE ALLA COMMISSIONE PARLAMENTARE SUGLI ENTI PREVIDENZIALI

Si è tenuta questa mattina, nell’ambito della indagine conoscitiva avviata dalla Commissione parlamentare di controllo sulla gestione del patrimonio immobiliare degli Enti previdenziali pubblici e privati, l’audizione della Fondazione Enpam, rappresentata dal vicepresidente vicario Dr. Alberto Oliveti, dal vicepresidente Dr. Giampiero Malagnino, dal direttore generale Dr. Alberto Volponi e dal dirigente del Servizio Investimenti immobiliari Ing. Luigi Caccamo.

Ai quesiti posti dai membri della Commissione sono state date puntuali risposte inerenti la consistenza del patrimonio e la correttezza e l’efficacia della sua gestione che hanno permesso alla Fondazione di raggiungere importanti risultati economici nonché una considerevole riqualificazione del proprio patrimonio.

Allo stesso tempo i recenti allarmistici articoli di stampa su inesistenti danni per un miliardo di euro non potevano non sollecitare la Commissione ad interessarsi, doverosamente, anche della gestione finanziaria.

Per poter, in una eventuale nuova convocazione, affrontare in maniera compiuta l’argomento, il Presidente Iannone ha consegnato alla Fondazione copia dell’esposto ripreso da alcuni giornali e non ancora pervenuto all’Ente.

La Fondazione Enpam, nel ringraziare il Presidente e la Commissione per la cortese disponibilità, a sua volta ha ritenuto opportuno lasciare agli atti copia della relazione della società SRI che è alla base dell’esposto.

Il vicepresidente Oliveti, nell’esprimere soddisfazione per l’andamento dell’audizione e nell’auspicare ulteriori approfondite audizioni su temi che evidentemente sono nel cuore dei medici e degli odontoiatri italiani, ha ribadito l’impegno di una ormai imminente riforma dei fondi per garantire la loro sostenibilità e la concreta realizzazione di un nuovo modello di governance del patrimonio parametrato sulle scadenze previdenziali.

25/05/11